Cascate del Niagara, tappa imperdibile di un viaggio in Canada

Oggi vi porto virtualmente in uno dei posti più belli del mondo, le Cascate del Niagara. So bene che non c’è foto o descrizione paragonabile al salire su un aereo ed andare proprio lì per abbracciarle tutte tre in un magico scatto.

Comunque, visto che #noirestiamoacasa, un sogno non guasta e vedrete che #andràtuttobene.

Siamo giunti al 17° giorno del nostro indimenticabile on the road. Arrivati al Bedham Hall B&B,

piacevolissima dimora in stile Vittoriano, abbiamo letteralmente abbandonato i bagagli in camera e, muniti di macchina fotografica, ci siamo incamminati lungo la River Road per raggiungere la grandiosa balconata che si affaccia sulle cascate. Il cielo aveva dei colori talmente spettacolari che non potevamo rischiare di non vedere uno dei posti più belli del mondo con quella luce. L’indomani, in base alle previsioni meteo che davano pioggia, non sarebbe stata la stessa cosa. River Road è un susseguirsi di deliziose dimore che si affacciano sul muro in pietra che corre lungo la gola.

L’adrenalina a mille mi spingeva in avanti e man mano che il rumore dell’acqua diventava sempre più assordante i battiti del mio cuore acceleravano.

Si andava avanti e cominciavamo ad intravedere, dapprima il Rainbow Bridge che unisce il lato canadese con quello americano, e subito dopo ecco apparire, come per magia, il meraviglioso fronte delle American Falls e Bridail Veil Falls.

Finalmente il sogno di una vita si stava materializzando. Ad ogni passo mi soffermavo per uno scatto e poi ancora avanti. Ero talmente eccitata che non sentivo affatto la stanchezza di quei tre chilometri percorsi a velocità da maratoneta. Più ci avvicinavamo all’ Horseshoe Falls e più sentivo la potenza di quel salto di 52 metri.

La vista dal lato Canadese è senza ombra di dubbio la migliore. Tuttavia ho trovato interessante l’escursione fatta anche sul versante Americano. Sul lato Canadese la magia del luogo è parzialmente rovinata da quel susseguirsi di alberghi e di locali incorniciati da grandi insegne luminose. Il tutto creato per il business, insomma sembrava di essere ritornati a Las Vegas.

Ma torniamo alle Cascate. Le attrazioni offerte al visitatore sono veramente tante. Avremmo potuto acquistare l’Adventure Pass ed imbarcarci sull’Hornblower per farci trasportare proprio fin sotto le cascate.

Saremmo potuti salire sulla Skylon Tower dalla cui piattaforma, con un solo colpo d’occhio, si gode di una vista mozzafiato verso l’intero fronte delle tre cascate. Opps!! Dimenticavo, il costo del biglietto non è incluso nel Pass. Avremmo potuto andare al Journey Behind the Falls ed attraversare quel tunnel che porta fino a delle terrazze a ridosso delle cascate. Per i più avventurosi c’era anche la Zipline to the Falls, un’attrazione che ti permette di volare sopra le cascate rendendo la visita ancora più eccitante. Che dire, non ci siamo concessi nulla di tutto ciò ma, non preoccupatevi, il posto è talmente spettacolare che non abbiamo alcun rimpianto.

L’indomani, dopo una colazione al top e coccole a non finire, su suggerimento di Mr. Joice, siamo andati  alla scoperta delle altre bellezze naturali presenti lungo il fiume Niagara. A soli 4 km a Nord delle cascate e precisamente al nr. 4330 di River Road,  non potete assolutamente perdere il White Water Walk .  Se non ricordo male, la velocità delle rapide raggiunge i 110 km orari.

Un ascensore condurrà il visitatore verso la Great Gorge e da lì un percorso di 325 metri su passerelle in legno vi toglierà il respiro. Al nr. 3850 di River Road concedetevi una sosta anche al Whirlpool Aero Car,  funivia sospesa nel vuoto che fa da spola da una sponda all’altra a 76 metri d’altezza e dalla quale è possibile ammirare il vortice naturale (Niagara Gorge) che si forma lungo il fiume.

Mi era stato consigliato di visitare  Niagara on the Lake e così abbiamo fatto.

Un centro molto carino ma niente a confronto delle bellezze naturali che abbiamo visto. Il tempo passava inesorabilmente e non potevamo assolutamente perdere la vista delle Cascate dal lato Americano. Una corsa in macchina verso Rainbow Bridge e, con documenti alla mano, abbiamo attraversato il confine. Anche qui, nonostante la pioggerella, abbiamo goduto appieno di quella forza della natura che sarà impossibile dimenticare.

 

Tramonto dal Rainbow Bridge

24 thoughts on “Cascate del Niagara, tappa imperdibile di un viaggio in Canada

  1. È uno dei miei sogni, dev’essere davvero unico.. condivido che le sfilze di alberghi e locali in un posto del genere deturpano il tutto. I miei zii hanno fatto l’escursione sotto le cascate, ti avvolgono negli impermeabili 😄

    Piace a 1 persona

  2. Ciao Defo come sempre i tuoi reportage sono meravigliosi con foto magnifiche. Splendido il video delle mille isole. Che emozione rivedere tutti i luoghi visitati assieme. Forse ancora di più in questi difficili momenti che stiamo vivendo, forzatamente chiusi in casa. È ancora più bello rivivere i momenti di piena libertà. Graziee

    "Mi piace"

    • Ciao Paola, leggendo le tue parole mi è venuta una forte stretta al cuore ed un senso di grande sconforto. Ma che sta succedendo!? Ogni giorno è un vero bollettino di guerra. Ad ogni post che ho fatto dall’America ed il Canada mi sono detta “meno male che l’anno scorso ci siamo concessi questa bacanza” Al momento non riesco ad essere ottimista, non vedo la fine di questo tunnel ed ogni giorno mi chiedo se ne verremo tutti fuori. Un abbraccio fortissimo cara amica di serie A. 😘

      "Mi piace"

  3. Pingback: On the road tra Stati Uniti e Canada | Viaggiando con Bea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.