Viaggio itinerante verso Barcellona ”Aix en Provence – Collioure – Cadaqués”

Obiettivo anniversario anno 9

Felice anniversario con WordPress.com!
Ti sei registrato su WordPress.com 9 anni fa.
Grazie per averci scelto. Continua così.
Followers 1619
Visualizzazioni circa 214700
Articoli pubblicati circa 530

Ohi ohi ohi!!! Inizio questo articolo, già pubblicato nel 2013, con un’interiezione con la quale non voglio esprimere sorpresa ma, bensì, voglio esprimere una sorta di disappunto perché questi 9 anni sono volati.

Sono contentissima di aver condiviso questi anni con molti di voi  e, soprattutto, con coloro che non  hanno mai abbandonato questo spazio virtuale. Avrei voluto monetizzare ma alla fine mi sono resa conto che l’impegno sarebbe stato troppo grande e allora continuo per hobby e spero, con tutto il cuore, che i miei post sia di viaggi che di cucina siano sempre di vostro gradimento. Un bacione a tutti da Bea 😉

PS: Ripropongo questo articolo perché è stato il mio primo racconto di un viaggio itinerante.

*****

 

Se non ami l’aereo ma prediligi la macchina questo è il viaggio adatto a te.

 GIORNATA : Milano – AIX EN PROVENCE  _ circa 500 km

La prima impressione che si ha all’arrivo, è quella di una città felice. Piazze e piazzette si rincorrono attraverso le viuzze del quartiere antico. Bar ovunque, giovani spensierati seduti all’aperto, anche in pieno inverno. Non oso immaginare cosa possa essere questa cittadina in estate.

Abbiamo scelto, tramite Booking, un alberghetto apparentemente carinissimo, “Hotel Artea”, ma all’arrivo siamo rimasti negativamente colpiti dall’aspetto esterno non troppo curato  ed ubicato in una via abbastanza trafficata.

La prima reazione è stata quella di fuggire; ma, non potendolo fare, abbiamo rischiato. Fortunatamente appena sistemati in camera ci siamo subito ricreduti in quanto l’interno era proprio così come mostrato sulle foto presenti su booking. Le camere affacciavano su una via secondaria e, quindi, erano silenziosissime. Perfetta la locazione per visitare Aix.

Non avendo molte ore a disposizione abbiamo semplicemente passeggiato e goduto dell’atmosfera gioiosa che si respirava.

IMG_1292

Place des Augustins

Da Place du General de Gaulle abbiamo imboccato Rue Espariat,  vivacissima  l’area presso Place des Augustins, dove si possono ammirare: la Fontana degli Augustins del 1620 e più avanti la chiesetta di St-Esprit (1706-1716).

Giunti a Place d’Albertas, circondata da edifici del ‘700, abbiamo seguito le indicazioni per l’Hotel de Ville, edificio del 1655–1670. Bellissima la piazza omonima dove spicca la Tour de l’Horloge, antica torre campanaria della città con il suo orologio astronomico del 1661.

IMG_1312

Piazza Hotel de Ville

.Qualche foto qua e là e poi verso la Cathédrale de St-Sauver, edificio più volte rimaneggiato dal sec. XI al sec XIII.

IMG_1360

Piazza dell’Università

IMG_1335

Cathédrale de St-Sauver

Guardando frontalmente la chiesa possiamo notare:  una facciata romanica, risalente alla chiesa eretta nel secolo XII con portale fiancheggiato da colonne corinzie ed una splendida facciata gotica con ricco portale intarsiato. Ultimo elemento il campanile ottagonale del 1323-1425. Assolutamente da non perdere:  il romanico Chiostro, ove si può accedere solo con visita guidata, ed il trittico del Buisson Ardent di Nicolas Froment del 1476.

…….

Di fronte alla Cattedrale si trova la Piazza dell’Università.

IMG_1384

Cours Mirabeau

E’ sera, la città cambia aspetto, rivedere Piazza del “Hotel de Ville” illuminata dalle mille luci natalizie è uno spettacolo. Passo dopo passo ci dirigiamo verso Place de Verdun e Cours Mirabeau, ampio viale creato nel 1649 sul tracciato delle mura medievali. C’è di tutto, caffè, ristoranti, librerie, negozi e tre belle fontane, tra cui quella centrale del 1734 tutta ricoperta di muschio da cui sgorga acqua calda termale alla temperatura di 34°. Le fontane rappresentano una delle caratteristiche di Aix, se ne trovano ad ogni passo, in ogni piazza, fateci caso se mai avrete l’opportunità di visitare questa splendida cittadina provenzale. Per mancanza di tempo non ci è stato possibile visitare il Pavillon de Vendome , deliziosa palazzina  classicheggiante. Prima di lasciarvi, per gli amanti dei locali di charme e di prelibatezze dai sapori provenzali, vi suggerisco di provare il ristorante Le Patio.  Siamo rimasti veramente soddisfatti.

II° GIORNATAAix en ProvenceCOLLIOURE – CADAQUESBarcellona _ circa 564 km

I chilometri sono tanti, ma fatti in compagnia tra una battuta e l’altra, tra una visita e l’altra, sono trascorsi piacevolmente. Avremmo potuto fare unica tappa fino a Barcellona, ma con la mia voglia di vedere e fotografare sarebbe stato un vero peccato saltare due gioiellini come Collioure e Cadaqués.

Collioure, è un’ antica cittadella fortificata con un porticciolo naturale.

IMG_1475

Collioure

Un vero gioiellino che definirei “rosa”.  E’ il primo colore che noti. Un mare cristallino sorvolato dai gabbiani; passeggi sotto le mura dello Chateau Royal  e ad un tratto, come per magia, appaiono una miriade di casette tutte rosa che si susseguono fino ad arrivare alla chiesetta del paese del 1691 con accanto la torre dell’antico faro utilizzata come campanile.

Con poco tempo a disposizione abbiamo semplicemente  passeggiato  da una piazzetta all’altra, scoperto viuzze  e ci siamo persino concessi un gustoso panino seduti sul  muricciolo del molo godendo del tiepido sole invernale.

Cadaqués –  è un piccolo villaggio di pescatori le cui case bianche si affacciano su una baia silenziosa. Siamo arrivati nel  tardo pomeriggio del 30 Dicembre e ce ne siamo subito innamorati; nella stagione estiva deve essere veramente un sogno.

IMG_1508

Cadaqués

Non c’è molto da descrivere, anche qui, come a Collioure,  è stato semplicemente bello passeggiare sul lungomare ed  inerpicarsi fino alla chiesetta cinquecentesca di Santa Maria che domina i tetti del villaggio e  ove nel suo interno si può ammirare uno splendido altare barocco di J.Moretò.

Passeggiando da un vicolo all’altro  si possono ammirare i piccoli atelier che sorgono un pò ovunque in questo rifugio di artisti. Un rifugio che ha attirato in passato  personaggi come  Picasso, Lorca, Mann ed ha ospitato per lunghi anni Salvador Dalì.

E’ tardi, con grande rammarico ci dirigiamo verso la macchina in quanto il nostro viaggio continua verso ……. Barcellona.

21 thoughts on “Viaggio itinerante verso Barcellona ”Aix en Provence – Collioure – Cadaqués”

  1. Pingback: Barcellona….. | Viaggiando con Bea

  2. Leggendo quello che hai scritto su questa pagina e rivedendone le foto, ci sembra ancora di vivere i bei momenti trascorsi insieme durante questo viaggio. Peccato non trovare traccia del simpaticissimo locale di Aix dove abbiamo potuto assaporare un ottimo espresso: cosa assai rara in terra di Francia!

    "Mi piace"

  3. Pingback: Camargue ……. un lungo weekend per rigenerarsi | Viaggiando con Bea

  4. Pingback: Buon Anniversario a … Viaggiando con Bea | Viaggiando con Bea

  5. Che viaggio magnifico, 🤩 e che splendide fotografie hai scattato, 👍👍👍. 9 anni di blog meritano sicuramente di essere festeggiati e quindi… Buon BlogCompleanno cara Bea, 🥳🥳🥳🥳🥳! Tanti tantissimi auguri, 🎉🎉🎉. Un piccolo omaggio floreale per questo compleanno: ecco qui, 💐.

    Piace a 1 persona

  6. bel viaggio, io da giovane ero stato a Barcellona e in Costa Brava, poi negli anni ho fatto anche un po’ di Francia, ma quel borghetto sul mare è proprio carino, magari me ne ricorderò per gli anni a venire. E’ sempre bello leggerti, io non ho moltissimo seguito, ma amo così tanto quello che faccio sul mio blog che lo farei anche per un paio di persone 😉😊😊😊 Buona domenica, un caro abbraccio, oggi ho fotografato il borgo di Soncino, poi nel blog racconterò anche quello in molte puntate…🤗😊👍

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.