portogallo 1061

Portogallo … un itinerario tra arte e natura

Schermata 2015-08-31 alle 17.27.48

Se avete già visitato Lisbona e vi rimane ancora qualche giorno, saltate in macchina, caricate i vostri trolley e via verso nord alla scoperta di un itinerario che vi immergerà all’interno di borghi deliziosi e monasteri che per la loro bellezza vi lasceranno senza parole, soprattutto davanti a scogliere mozzafiato.

A poco più di un’ottantina di chilometri dalla capitale incontrerete la minuscola e pittoresca cittadina di Obidos che vi abbaglierà  con un inimmaginabile esplosione di colori e dove potrete concedervi un giro in carrozzella tra le sue casette bianche ed i suoi vicoli acciottolati.

Elena ha fatto questo giro, ha visto le magnifiche scogliere di Cabo da Roca e poi, abbandonando il mio itinerario verso nord, ha seguito un percorso “mistico” verso il centro del Portogallo tra i monasteri più belli, dichiarati dall’Unesco patrimonio dell’Umanità.

Quando ci siamo incontrate in un caldo pomeriggio di agosto,  mi ha raccontato del suo viaggio in modo così minuzioso ed emozionante che mi ha indotto subito a buttar giù sulla tastiera ciò che Lei mi ha saputo trasmettere.

portogallo 1129

Lasciata Obidos il suo viaggio è proseguito verso Nazaré, una cittadina che le ha rubato il cuore per la sua natura selvaggia. Avrebbe voluto avere più tempo per fare una passeggiata sulla meravigliosa spiaggia oppure per una visita al caratteristico mercato del pesce, ma, invece, ha puntato la macchina direttamente verso il Sitio, la parte alta della cittadina Portoghese. Ha dapprima visitato il Santuario barocco di Nossa Senhora de Nazaré, ricca di azulejos, dove si venera la più antica statua della Madonna del Portogallo,

portogallo 1067

Santuario barocco di Nossa Senhora de Nazaré

successivamente, si è diretta al faro per godere di una vista mozzafiato sull’oceano e precisamente sulla famosa “Praia do Norte” molto apprezzata dai surfisti per le altissime onde, tra le più spettacolari della costa. La formazione di queste onde  è dovuta alla presenza di un canyon (la più grande gola sommersa d’Europa) proprio di fronte alla costa di Nazaré.

Volete che un brivido vi percorra? Allora godetevi il pauroso spettacolo, mi raccomando a schermo intero e vi si accapponerà la pelle.

La tappa successiva è stata Alcobaça dove si è fermata per la notte in un albergo delizioso del XIX° secolo, “Challet Fonte Nova”. Questo palazzo storico, di notevole charme, è situato a soli 200 m dal Monastero cistercense di Alcobaça.

portogallo 1026

Monastero cistercense di Alcobaça

Questo monastero, ricchissimo di azulejos, risale al XIII° secolo ed  è stato classificato come uno dei monasteri cistercensi più belli e maestosi del mondo. Costruito in stile gotico ammalia il visitatore per le sue dimensioni e nel contempo per la semplicità degli interni dove si possono ammirare le altissime navate e le tombe di Dom Pedro I° e di Dona Ines de Castro, gentildonna spagnola amante del sovrano, assassinata dai sicari della corte portoghese. Dom Pedro impazzito per il dolore fece costruire una tomba sontuosa e, riesumando il corpo, la incoronò ed obbligò i nobili a baciare la mano della regina.

Lasciato l’albergo il tour di Elena è proseguito verso Batalha. Anche questa cittadina deve la sua fama al “Monastero di Batalha o convento de Santa Maria da Vitória” eretto a partire dal XIV° secolo.

portogallo 1130

Monastero di Batalha o convento de Santa Maria da Vitória

Esso è di grande significato per la storia e l’arte portoghese e rappresenta un bellissimo esempio di architettura gotico-portoghese (manuelino). Si rimane affascinati dall’insieme di merletti di pietra, archi e balaustre di una splendida tonalità ambrata, stile che ricorda il Monastero dos Jeronimos di Lisbona.

Durante il percorso ciò che ha suscitato in Elena forti emozioni è stata la visita alle Capelas Imperfeitas (Incompiute) che costituiscono il prolungamento dell’abside della chiesa ma non sono comunicanti tra loro. Le è sembrato un luogo irreale dove la luce del sole entra nella volta incompiuta ed illumina tutta la cappella mettendo in risalto lo stupendo stile “manuelino”.

A suo avviso questa è una tappa da non perdere per un tour in Portogallo e se possibile il visitatore dovrebbe ammirarlo di notte, perché  lo spettacolo dell’illuminazione notturna esalta la bellezza dei ricchi merletti in pietra.

Ancora una corsa di 40 km tra le campagne del Portagallo centrale per giungere a Tomar, affascinante cittadina, antica sede dell’Ordine dei Templari. Passeggiando tra le viuzze del centro storico ciò che colpisce il visitatore è la bellezza della piazza principale dedicata al gran maestro dei Templari “Gualdim Pais” che fece edificare al di sopra della cittadina l’enorme fortezza, al cui interno .

è collocato il Convento de Cristo, una delle più importanti opere rinascimentali del Portogallo. Il Convento de Cristo costituisce un complesso organismo architettonico, perché in esso si sovrappongono stili diversi, ma soprattutto raccoglie la storia dei Templari e dell’Ordine di Cristo. La visita al suo interno lascia cogliere il fascino dei lunghi corridoi rivestiti in azulejos, ma ciò che maggiormente emoziona è la Charola, il cuore della chiesa dei Templari che ha conservato i caratteri dell’edificio originale e che ricorda il Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un viaggio veramente splendido che Elena consiglia a chiunque abbia voglia di andare alla scoperta di un paese veramente genuino.

42 thoughts on “Portogallo … un itinerario tra arte e natura

  1. Abbiamo fatto un bellissimo viaggio in Portogallo tantissimi anni fa’. Peccato per Lisbona, gli amici l’hanno voluta saltare e
    l’anno dopo è bruciata.
    Credo che sia stata l’unica volta in cui ho tenuto un diario di viaggio. Scritto su un quadernino acquistato in Spagna. E’ sempre lì, in mezzo alle foto ed è sempre bello!

    Mi piace

    • Pensa che ho scritto il post ascoltando le parole di Elena. Mi sono immaginata questa sfilza di monasteri , uno più bello dell’altro, e adesso mi piacerebbe prendere il primo volo e ritornare in Portogallo per visitare tutto ciò che mi sono persa. Hai visto il video? Non è impressionante? Un buon mercoledì Bea

      Mi piace

      • Stupendo, io ci tornero’, appena potro’, perche’ ovviamente qualcosa mi sono persa e perche’ quel viaggio l’ho fatto con la mia mamma che mi manca tanto, <3, per esempio, Barcelona l'ho visitata tre volte perche' ho avuto l'occasione e ti diro' che tutte le volte c'era qualcosa che mi ero persa, 😀 Baci cara Bea, i tuoi post sono sempre tanto belli, credo i blog sui viaggi siano i piu' belli in assoluto perche' fanno viaggiare con il pensiero, ❤

        Mi piace

  2. Io molti anni fa feci un incantevle viaggio in macchina tra la Beira Alta e Beira Baixa a caccia di castelli. L’ho butatta così per un possibile ritorno 😉
    Buona giornata e un bacio oceanico dal Portogallo!

    Mi piace

    • Il Portogallo nei miei giri fatti qualche anno fa l’ho veramente amato e, Elena, mi ha dato la grandissima soddisfazione di seguire passo passo il mio itinerario. Algarve, Lisbona e poi andando verso Nord ha deciso di deviare per i monasteri e concludere il suo giro nel Portogallo Centrale. Mi ha raccontato la sua avventura, mi ha fornito tutte le foto ed io ne ho fatto un post. Non ho visto Nazaré, Alcobaça, Bathala, Tomar ma è stato tale l’entusiasmo che mi è sembrato di esserci veramente stata. O prima o poi ci ritornerò, anch’io l’ho buttata così per caso. Ricambio il bacio 🙂

      Mi piace

  3. bellissimo post… è da qualche anno che ho in progetto il Portogallo, poi, i casi della vita me l’hanno impedito…spero di andarci presto…sono stata solo a Lisbona ma so che il Portogallo è molto di più… grazie per questo viaggio virtuale preziossimo !

    Mi piace

    • Il Portogallo è veramente molto, anzi moltissimo di più di Lisbona. Se dovessi mai progettare questo viaggio ricordati di guardare tutti i post che ho fatto su questa splendida nazione. Sono itinerari studiati e vissuti nei minimi particolari. Ciaoo

      Mi piace

  4. Il Portogallo è stata una piacevole scoperta. Con i miei amici abbiamo scelto questa meta quasi per caso, perché non sapevano dove andare e devo dire che a tutti è piaciuto molto. Purtroppo quando ci sono stato non ero ancora appassionato di fotografia e sono tornato a casa con pochissimi scatti (alcuni dei quali meglio non riguardare più ).
    Devo ammettere che ci tornerei volentieri. Il tuo articolo e le foto di Elena mi hanno fatto tornare la voglia.

    Mi piace

  5. Grazie Bea per aver reso pubblico il mio bel tour in Estremadura.Leggendo il tuo racconto rivivo le stesse emozioni che ho provato nel visitare questi luoghi affascinanti.Penso che presto tornerò in Portogallo seguendo il tuo itinerario verso nord.
    Ciaooo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...