Delft … elegante perla dell’Olanda meridionale

Come dicevo nel mio post precedente, abbiamo percorso il centinaio di km che ci separavano da Delf con tutta calma. Giunti in questa splendida cittadina olandese abbiamo fatto il “check in” nell’Hotel Johannes Vermeer  e poi ci siamo subito fiondati nel ristorantino scelto tramite Tripadvisor.

“Spikshuis De Dis” il grande chef

“Spikshuis De Dis” il grande chef

Devo dire che abbiamo avuto fiuto e lo “Spikshuis De Dis” si è rivelato una vera chicca. Il locale si affaccia su una graziosa piazzetta alberata a due passi dallo Stadhuis. Internamente ti accoglie una calda atmosfera di charme. Tavoli in legno, luci soffuse, insomma che dire!! Mi sembrava tutto perfetto. Abbiamo scelto piatti della tradizione olandese ed il tocco magico dello chef ha trasformato ogni singola portata in un piatto dal gusto eccellente. Io, ad esempio, come entrée ho scelto una ciotola di pane con zuppa di lenticchie e ancora oggi ricordo il sapore del piatto. A fine serata lo Chef è passato tra i tavoli ed abbiamo colto l’occasione per fargli i nostri complimenti. Io l’ho immortalato in uno scatto per farlo conoscere anche a Voi. La scelta dell’albergo è stata un po’ meno felice, ma almeno eravamo in una zona tranquilla nel cuore del centro storico e, ovviamente, qualche scatto by night non poteva mancare 🙂

Delft è proprio bella!! E’ definita una delle città più eleganti dell’Olanda meridionale. Canali che si intersecano e sui quali si affacciano chiese ed edifici storici. La visita virtuale potrebbe iniziare dal Markt, magnifica piazza dominata dallo Stadhuis con la sua bella facciata rinascimentale risalente al XVII sec. e la torre gotica del XIV sec.

Stadhuis

Stadhuis

Girando lo sguardo a 360° possiamo notare antiche case colorate e sul lato opposto allo Stadhuis si eleva la Nieuwe Kerk, chiesa gotica del 1420 con accanto una magnifica torre alta 108 m. Leggo, sulla mia fedelissima guida touring, che la torre racchiude un carillon del seicento formato da 48 campane. All’interno della Nieuwe Kerk, e precisamente nel coro, possiamo ammirare l’imponente mausoleo in marmo bianco e nero dedicato a Guglielmo d’Orange, che liberò i Paesi Bassi dal dominio spagnolo. Quest’opera è uno dei primi 100 monumenti UNESCO dei Paesi Bassi.

Percorrendo le maestose navate si possono ammirare gli enormi lampadari, il magnifico organo dotato di 3.000 canne e le bellissime vetrate.

Adesso, con lo stesso biglietto d’ingresso acquistato per le chiese di Delft, potremmo spostarci verso la Oude Kerk che si affaccia sulle acque silenziose del canale più antico della città, l’Oude Delft. La chiesa la si nota per la sua torre pendente sul lato destro. Al suo interno sono custodite le spoglie di Jan Vermeer, grande pittore olandese. Chi non lo ricorda per il bellissimo dipinto “La ragazza dall’orecchino di perla” ?

Un’ultima passeggiata, prima della partenza verso nord, l’abbiamo fatta percorrendo il canale Oesteinde fiancheggiato da vecchie case a sporti. Alla fine del canale abbiamo potuto ammirare e fotografare la Oostpoort, resto dell’antica cinta muraria.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Koninkliijke Porceleyne

Koninkliijke Porceleyne

E, dulcis in fundo, non poteva mancare una visita alla Koninkliijke Porceleyne, la più antica fabbrica delle famose porcellane bianche ed azzurre di Delft. Bellissime ma un po’ troppo costose.

E’ tardi, si rimonta in macchina e via verso Nord. Abbiamo attraversato Lisse, siamo passati davanti ai cancelli chiusi di keukenhof  ma di tulipani in giugno neanche l’ombra. La mia amica Nadia che ha fatto un viaggetto nei primi giorni di maggio mi ha inviato qualche suo scatto. Ditemi se non sono una meraviglia!! Ecco cosa avrei potuto ammirare se il viaggio lo avessi fatto in quel periodo 😦

42 thoughts on “Delft … elegante perla dell’Olanda meridionale

  1. Stupende foto… complimenti 🙂
    Ci porti a spasso con te e io tanti luoghi che ho visto con i tuoi occhi non li avrei mai potuti vedere con i miei …
    grazie anche di questo! Buona serata…

    Mi piace

  2. Come sempre i tuoi diari di viaggio sono interessanti e fanno venire voglia di preparare la valigia. Purtroppo quando son stata in Olanda non son riuscita a vedere questa città, ma sicuramente sarà meta di un viaggio futuro.

    Mi piace

  3. … e avevo fatto bene a non scendere il trolley dalla macchina, qui l’avventura è ripresa e pure alla grande. 😉
    Virtualmente con il naso incollato al finestrino ho ammirato la città di Delft, una chicca elegante che non poteva certo mancare in questo tour. Le sue ceramiche bianche e blu hanno stregato antiquari e amanti del genere, oggetti di gran pregio e di notevole fattura.
    Scatti fotografici notturni hanno immortalato posti da cartolina, scenografici quanto basta per sognare ad occhi aperti.
    Manca il profumo dei tulipani ma i colori di quei fiori sono impressi nei palazzi che sfoggiano le tonalità più intriganti e avvolgenti, la Chiesa gotica con le sue persiane rosse ricorda proprio quei magnifici fiori.
    Il mio giro in macchina si conclude qui.
    Esco dalla vettura ciabattando con i miei zoccoletti di legno, nelle narici conservo l’odore del pane con la zuppa di lenticchie e mentalmente ringrazio la mia amica Bea per avermi permesso di vivere un sogno tutto olandese! 🙂
    Un abbraccione one one
    Affy

    Mi piace

    • Il tuo commento è un post dentro il mio post. Hai proprio un’arte innata. Trasformi ciò che pensi in pura magia con una leggerezza da far invidia. Non come me che c’impiego una vita a trasformare in frasi ciò che mi sgorga dal cuore. Un grazie grandissimo per essere venuta in viaggio con me. Comunque, ricarica il trolley in macchina e non dimenticare gli zoccoletti. Si riparte presto. Il tour è ancora lungo 🙂

      Liked by 1 persona

  4. Pingback: Amsterdam … toccata e fuga di un giorno | Viaggiando con Bea

    • Delft è una vera chicca. Magari non perdere Leida. Io non l’ho vista ma ho letto che è un incanto. Ciaoo Bea
      PS: se mai andrai a Delft ti consiglio di provare il ristorantino in cui sono stata io. Non te ne pentirai, è delizioso 🙂

      Mi piace

    • Domenico mi piacerebbe essere così avventurosa ma preferisco farmi scarrozzare in auto. Se mai ritornerò in Olanda, oltre i tulipani, devo andare molto più a nord verso le isole frisone. Che peccato che in questo giro non ce l’abbia fatta. Ciaoo

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...