Normandia verso le spiagge del D-Day e non solo..

IMG_2792

Spiagge dello sbarco

12° giorno – Dopo la nostra prima tappa imperdibile a “Le Mont Saint Michel“, si prosegue alla scoperta del meraviglioso tratto di costa dove si è consumata una delle battaglie più terribili della storia conosciuta come il D-Day (6 Giugno 1944), giorno in cui  gli alleati sbarcarono per iniziare la liberazione dell’Europa e che costò la vita a circa 10.000 soldati. Un percorso di circa 130 km ci porta a Colleville-sur-Mer dove un soggiorno di due notti presso l’albergo “Domaine De L’hostreiere” ci ha permesso di visitare in tutta tranquillità i luoghi dello sbarco. A due passi dall’albergo la nostra prima visita è riservata all’impressionante Cimitero Militare USA dove si ergono file regolari di croci in marmo bianco di carrara, ognuna con l’epigrafe del nome, la compagnia di appartenenza e la data della morte.

IMG_2691

Cimitero Militare USA

Sono tutte rivolte verso il mare e sembrano guardare, dall’alto del colle, quel tratto di spiaggia dove caddero in battaglia; stiamo parlando di Omaha Beach. In questo luogo, che invita il visitatore ad un momento di profonda meditazione, regna un silenzio assoluto rotto soltanto, alle 12.00 di ogni giorno, dall’inno nazionale americano.

panorama

Panoramica del Cimitero Militare USA

IMG_2765

Arromanches les Bains

Il giro prosegue verso Arromanches les Bains, paesino decisamente turistico. La via principale è un susseguirsi di negozi che vendono souvenir di ogni genere relativi al D-Day. Visitare questi luoghi ne vale veramente la pena, come   il museo dove è spiegato dettagliatamente il modo in cui gli alleati costruirono nel 1943 un immenso porto galleggiante.  Ancora oggi sono visibili in mezzo al mare una serie di cassoni che componevano questo porto artificiale.  Molto commovente è la visione di un filmato della durata di circa 20 minuti, proiettato su un mega schermo a 360°, che riassume i principali avvenimenti della seconda guerra mondiale permettendo al visitatore di avere una visione degli avvenimenti sia dalla prospettiva degli alleati che da quella dei tedeschi. Lungo il percorso verso Arromanches è possibile vedere anche le postazioni di cannoni tedeschi che puntano dritto verso le spiagge.

IMG_2775

Arromanches les Bains

IMG_2881

Arromanches les Bains

IMG_2857

Bayeux – vecchio mulino

13° giorno –  Alla scoperta di Bayeux. Situata in una piana verdeggiante è stata la prima cittadina ad essere liberata dagli alleati. Sfuggita alla disastrosa distruzione dei bombardamenti conserva molti edifici medievali, viuzze acciottolate ove si affacciano deliziose case a graticcio, case in pietra e vecchi mulini che si affacciano sui canali tra cui cito il mulino funzionante in Rue Saint Martin.  La fama di Bayeux è dovuta soprattutto al bellissimo arazzo medievale della Regina Matilde. Magnifico ricamo in lana su tela lungo 70 m. e largo 50 cm. In 58 scene viene narrata la conquista dell’Inghilterra da parte di Guglielmo il Conquistatore. Opera di un valore inestimabile è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Per vederlo basta recarsi in Rue de Nesmond, situata sul lato destro della Cattedrale. La  “Cattedrale de Notre Dame”  è una delle più belle cattedrali della Normandia. E’ un perfetto esempio di architettura gotico-normanna con una stupenda facciata fiancheggiata da torri romaniche dove nella parte inferiore si aprono cinque arcate con tre portali.

IMG_2848

Bayeux – Arazzo medievale della Regina Matilde

IMG_2932

Deauville

14° giorno – Dopo questa full immersion di storia e cultura il viaggio prosegue verso Honfleur. Un centinaio di km alla scoperta di un litorale dalle lunghe distese di sabbia dorata. Si attraversano le mondane località balneari di Deauville e Trouville, forse un po’ troppo mondane per i miei gusti. Arrivati ad Honfleur siamo rimasti favorevolmente colpiti dalla scelta del nostro alberghetto di charme, l’ Hotel l’Ecrin. Antica dimora circondata da un giardino romanticissimo, ricco di ortensie dai colori vivacissimi che vanno dal rosa al lilla, insomma un vero tripudio di colori.

IMG_3091

Ortensie nel giardino dell’Hotel l’Ecrin

IMG_3111

Honfleur – scorcio sul le Vieux Bassin

IMG_3195

Honfleur – vecchie case in ardesia

Honfleur, meta prediletta di artisti, musicisti, pittori. E’ un vero gioiellino, non so quante volte abbiamo percorso in su ed in giù le viuzze intorno a “le Vieux Bassin”. E’ una gioia per gli occhi. Tutto perfetto, dalle splendide case colorate a graticcio che si affacciano sul vecchio porto, ai velieri ormeggiati, ai negozietti di artigianato locale. Honfleur conserva il fascino dei porti di mare e non ti stanchi di scattare una foto dopo l’altra immortalando l’atmosfera delle luci del tramonto oppure le nubi nere che, portate improvvisamente dal vento, rendono cupo , ma per questo non meno affascinante, le Vieux Bassin. Arretrata su una piazzetta troviamo la chiesa gotica di Ste-Catherine, costruita  tra la fine del XV sec. e l’inizio del XVI sec.

IMG_3105

Honfleur – nubi in arrivo

IMG_2983

Honfleur – notturno sul Vieux Bassin

IMG_3005

Etretat – Falaise d’Aval

IMG_3044

Falaise d’Aval

15° giorno –  Se sei ad Honfleur non puoi non vedere Etretat e le sue bianche falesie a picco sul mare: la Falaise d’Aval e la Falaise d’Amont.  Il panorama che si gode dall’alto delle scogliere è veramente unico, specialmente nelle ore del tramonto quando il paesaggio assume delle sfumature veramente suggestive. Dalla sommità della Falaise d’Aval si può godere di un panorama spettacolare sul’arcata naturale detta porte d’Aval fronteggiata da un obelisco alto 70 m. chiamato Aguille d’Etretat. A sud si apre un grandioso arco naturale alto m. 90 conosciuto con il nome di Manneporte. Scrittori come Guy de Maupassant o pittori come Coubert o Monet hanno immortalato questi luoghi magnifici.  Io li ho immortalati nelle mie foto. 🙂

IMG_3027

Magnifico scorcio sulla Falaise d’Aval

16° giorno – Si rientra in Italia ma la vacanza continua…… da Honfleur si cerca di costeggiare il più possibile la Senna http://goo.gl/maps/zM0tc, paesaggi splendidi e qua e là piccoli gioiellini come le suggestive rovine dell’antica Abbazia di Jumieges. Della chiesa, fondata nel 654 e rimaneggiata nei secoli X ed XI, rimangono la facciata e la navata. Attraverso il passage Charles VII, situato sul fianco meridionale della chiesa di Notre Dame, si giunge alle rovine della chiesa di St. Pierre. Un insieme veramente suggestivo dove regna una pace assoluta.

IMG_3211

Abbazia di Jumieges

IMG_3243

Rouen

Prima del rientro definitivo a casa dedichiamo l’ultima sosta alla cittadina di Rouen (Alta Normandia). Ahime!!! il tempo che abbiamo a disposizione è veramente poco. La guida del Touring divide la cittadina in 4 quartieri, è decisamente troppo!! Ci scoraggiamo ed allora la guida viene inesorabilmente chiusa e …. via verso la città vecchia guidati solo dalla voglia di scoprire i suoi vicoli acciottolati o le sue coloratissime case a graticcio. Si passa da Place du Vieux Marché dove nel 1431 fu bruciata viva Giovanna d’Arco. Questa piazza, ancora oggi, conserva l’atmosfera gotica di un tempo. Si passeggia lungo l’animata Rue du Gros Horloge. Si passa davanti al Palais de Justice, capolavoro dell’architettura civile gotico-fiammeggiante e certamente non può mancare la visita ad una delle più belle chiese di Francia: la Cathédrale de Notre Dame de Rouen. A distanza di 5 anni non ricordo se abbiamo visitato la chiesa di St. Ouen o St. Maclou, ma sicuramente ricordo la vivacità e la bellezza di questa cittadina adagiata sulle rive della Senna. Da non perdere!!

IMG_3284

Rouen – coloratissime case a graticcio

26 thoughts on “Normandia verso le spiagge del D-Day e non solo..

  1. oooooh I’m so sorry I don’t read nor speak italian!! But my parents live in Normandy and I was recently there to show some of its beauty to my fiancé; so I was completely caught up by your pictures. we did much less than you but it caught his attention for another visit later. (http://lespetitspasdejuls.wordpress.com/2013/09/17/a-normandy-tour/)

    Hope you enjoyed your trip there and wish you a lot of other wonderful travels!
    Cheers!
    Jul’

    Mi piace

    • Thank you very much Jul. It’s a pity I don’t translate my post in English but it would take too much time and I can’t immagine how many grammar mistakes I could make. Anyway I really think that sometimes take good shots is better of any words.
      Bye Beatrice

      Mi piace

      • I completely understand! It does take me forever to translate my blog but it’s also my job and I love doing so! I’ll just have to learn italian (which I’m not against!).

        in the meantime, I’ll just enjoy your pictures!
        Have a great day!
        Jul’

        Mi piace

  2. Pingback: Le Mont-Saint-Michel, Bretagna o Normandia?? | Viaggiando con Bea

  3. Che meraviglia! 😉
    Mi è sembrato di camminare vicina a te mentre indicavi le varie bellezze. Fotografie che sono un paradiso per gli occhi.
    Hai descritto benissimo i luoghi non trascurando i particolari e adesso sfido chi non abbia voglia di andarci …
    Complimenti Bea e grazie per avermi resa partecipe di questa emozione.
    Un forte abbraccio ;-.)

    Mi piace

  4. Eccomi! Le tue foto mi emozionano e coinvolgono al punto tale che mi viene voglia di rivisitare luoghi che come sai conosco molto bene. Le notizie che fornisci sono chiare, dettagliate e molto utili, continua così.Ti abbraccio Flavia

    Mi piace

    • Hi thank you for loving my photos. I’ve already been in England. I love London where I spent one year of my life studying English. I really miss Great Britain and perhaps one day I’ll travel again towards this wonderful island. Bye Beatrice

      Mi piace

    • Ciao Bruno, troppo carino con i tuoi complimenti. “Meglio di una guida turistica”? non direi proprio. Ciò che trovi tra le righe dei miei post è l’entusiasmo del viaggiatore, ciò che cerco di trasmettere è l’emozione che ogni viaggio mi ha dato. Cerco di citare luoghi, alberghi e a volte anche ristorantini che mi hanno colpito. Per quanto riguarda il sito http://www.france-voyage.com/francia-guida/basse-normandie-region.htm lo consulto spesso anch’io per programmare i miei viaggi ed in più non posso fare a meno di stropicciare la mia guida personale che è sempre quella del touring. Una mania che mi ha trasmesso mio padre e che quindi gira per casa almeno da vent’anni. Tengo a precisare che tutti i dettagli puntuali su ogni sito sono un riassunto delle varie informazioni che prendo qua e la documentandomi sui luoghi da vedere. Anch’io senza l’aiuto di una guida on line o cartacea non potrei redigere i miei post. Hai tutto il tempo per programmare uno splendido viaggio fammi sapere se hai tratto qualche spunto da ciò che ho scritto.
      Ciao Bea
      PS: come hai fatto ad individuarmi visto che non sei un blogger?

      Mi piace

    • Grazie!! E’ stato uno dei viaggi che non dimenticherò mai, ma la Bretagna mi ha affascinato molto di più e mi ha dato delle emozioni veramente forti. Sarà la forza bruta dell’oceano con onde altissime che s’infrangono sulle scogliere. Ciaoo Bea

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...