Vacanze nel dipartimento del VAR

Perché scegliere il dipartimento del Var come meta delle tue vacanze? Perchè è tutto concentrato in 100 km di capi rocciosi che si alternano a spiagge di sabbia fine, un entroterra fresco e verdeggiante con i suoi incantevoli villaggi. Il colore dei fiori e delle rocce, il blu del cielo, le miriadi di casette dai colori pastello, “un ensemble” che non finisce mai di stupire. Una vacanza piena di charme, dove il piacere di rientrare nella Chambre d’Hotes prescelta per un rinfrescante tuffo in piscina si alterna al desiderio di vestirti in fretta ed uscire per andare alla ricerca dell’ennesimo localino dove gustare piatti della tradizione provenzale.

img012

Saint Tropez veduta sul porto

Saint-Tropez – un tempo paesino di pescatori, oggi è una località balneare alla moda. Saint-Tropez è veramente una splendida cittadina ma nei periodi di alta stagione diventa invivibile. Passeggiare tra i vicoli stretti della città vecchia è quasi una sofferenza; la bellezza del pittoresco porticciolo con le case color pastello che vi si affacciano è deturpata dalle innumerevoli imbarcazioni da diporto ormeggiate e dal pullulare di locali alla moda dai prezzi impossibili! Dai bastioni della cittadella, risalente al XVI-XVII sec, si gode di una vista incantevole sui tetti delle vecchie case, sul golfo e sul massiccio des Maures. Ciò che veramente affascina di Saint-Tropez sono i suoi magnifici dintorni. A cinque chilometri dalla cittadina, tra il Capo del Pinet e la punta di Bonne Terrasse, si estende la magnifica baia di Pampelonne che, con le sue spiagge alla moda (Thaiti o Bora Bora), costituisce il punto di ritrovo della vita mondana. La spiaggia è dotata di una trentina di stabilimenti balneari che si alternano a lunghi tratti di spiaggia libera dove puoi ugualmente trascorrere delle ore di vero relax.

…………………..

IMG_9259

Pampelonne

IMG_9287

Scorcio su Ramatuelle

……………

Nelle ore più calde, lasciando la spiaggia, in soli 10 minuti possiamo raggiungere Ramatuelle, piccolo borgo medievale arroccato a mezza costa tra i vigneti del bellissimo entroterra. Soffermatevi a Place de l’Ormeau, nel cui centro spicca un ulivo centenario. Potete gustare un buon gelato e poi avventurarvi attraverso le viuzze del villaggio circondate da antiche fortificazioni. Passeggiando noterete cortili ricchi di bouganville, case in pietra dalle ante in legno e caratteristiche botteghe artigianali. Ramatuelle è ancora più suggestiva nei giorni di mercato dove bancarelle di ogni genere invadono la piazza e la via principale del paese.

……………….

IMG_9176

Ramatuelle si va verso la Place de l’Ormeau

IMG_9200

Gassin

IMG_9185

Moulins de Paillas

…………….

Uscendo da Ramatuelle raggiungiamo le Moulins de Paillas punto culminante della penisola dal quale si gode di un magnifico panorama sulla costa. Si prosegue per Gassin, tipico villaggio provenzale, sito su un promontorio roccioso  dal quale si ha una magnifica veduta sui vitigni e sulla baia di Saint-Tropez. Se si vuole fuggire dalla calura della costa è piacevolissimo salire all’imbrunire per bere un bicchiere di buon vino locale, passeggiare per Rue Saint Laurent o per Rue Longue e fermarsi per una cenetta a lume di candela in uno dei tanti ristorantini che animano il villaggio. L’atmosfera è veramente unica!

img011

Port Grimaud

………………………………

Dai borghi medievali dell’entroterra è suggestivo trascorrere una serata anche a Port Grimaud, progettata dall’architetto François Spoerry nel 1966 e situata a solit 7 km da Saint-Tropez. E’ moderna ma talmente particolare che amerete sicuramente passeggiare per ponti e canali sui quali si affacciano le facciate coloratissime delle case. L’architettura richiama quella degli antichi borghi provenzali e non si può fare a meno di immortalare gli angoli più nascosti specialmente con i colori del tramonto.

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

IMG_9193

Scorcio notturno a Grimaud

Altro luogo piacevole per una serata è Grimaud paesino medievale che si raggiunge attraversando le boscose creste del Massiccio dei Maures.

Per la nostra settimana nella baia di Saint-Tropez abbiamo scelto Hôtel Font Mourier a Cogolin,  albergo di notevole charme immerso in una splendida pineta su una collina dalla quale si domina tutto il golfo.

Un ristorantino delizioso da provare è La Verdoyant  a Gassin. Il rapporto qualità prezzo direi che è molto buono, location fantastica.

………………..

IMG_2529

Escapade Hotel

IMG_2400

Escapade Hotel

…….………….

……. e la vacanza continua verso Le Pradet .

Anche per questa seconda settimana abbiamo scelto un alberghetto di notevole charme, l’Escapade Hotel, situato in una zona tranquilla sul mare a soli 12 km da Hyeres e poco più dalla penisola di Giens.

……………………………………………

..…………………..:

Lungo il breve percorso di soli 60 km ci siamo concessi una piccola deviazione per visitare il magnifico borgo provenzale di Bormes-les-Mimosas. Situato su una collina ai piedi del Massiccio dei Maures. E’ considerato uno dei borghi più belli di Francia. E’ incantevole per le sue stradine acciottolate traboccanti di fiori. Piacevolissima la passeggiata attraverso le vie del centro,  dove si attraversano deliziose piazzette, passaggi coperti e, qua e là, una miriade di botteghe artigianali da dove fuoriesce un gradevole profumo di lavanda, direi quasi inebriante.

IMG_2460

stradina pittoresca di Hyeres

IMG_2451

Hyeres

IMG_2438

Hyeres – profumi di provenza

……………..

Hyeres – cittadina di mare rinomata per le sue palme. La parte più caratteristica di Hyeres, che sicuramente incanta il turista con il suo aspetto di cittadina medievale, è la Città Vecchia ove vi si accede da Porta Massillon. Agli occhi del turista si presenta subito come un dedalo di stradine pittoresche su cui si affacciano case dai colori pastello, di cui alcune risalgono al sec. XIII. Il nostro micro giro turistico parte da Place Massillon sulla quale si eleva la tour St Blaise del XII secolo. Si procede verso Place St Paul dalla quale si gode di un bellissimo panorama sia sulla città che sulla penisola ed ove possiamo ammirare la collegiale gotica di St Paul più volte rimaneggiata tra il XIV ed il XVII sec. Della precedente costruzione romanica sono rimaste la navata ed il campanile. Da porta St Paul iniziamo la faticosa salita che ci porta verso i resti delle mura circondate dal Parco St Bernard, una vera oasi di pace da dove si ha una splendida vista sulla città. Hyeres affascina anche per l’atmosfera provenzale che scaturisce dalle botteghe artigianali, dai numerosi caffè che animano il centro storico e dall’ospitalità della gente.

IMG_2472

scorcio panoramico su Hyeres

Penisola di Giens, lunga 6 km è collegata al continente da 2 cordoni di dune detti tomboli. E’ caratterizzata da bellissime spiagge di sabbia e da pinete che sorgono all’interno dei due tomboli ove dei laghetti di acqua dolce ospitano diverse specie di uccelli. Alla fine della penisola grazioso è il villaggio di pescatori di Giens. Dal punto più alto del villaggio il panorama sulle Iles d’Hyeres è spettacolare specialmente al tramonto quando per rilassarti, dopo una giornata di sole, sorseggi un Pastis in uno dei tanti localini siti sulla piazza centrale del paese.

IMG_2354

Penisola di Giens

Dal porto partono numerosi traghetti per le isole di Porquerolles, Port Cross e Ile Du Levant. Le isole potrebbero essere delle vere oasi di pace ma la fiumana di turisti che sbarca giornalmente a qualsiasi ora del giorno le trasforma in veri e propri carnai. Per gustare appieno della pace di questi luoghi bisognerebbe soggiornare in uno dei tanti alberghetti di charme che le isole offrono; E’ proprio quando la marea umana salpa con l’ultimo traghetto verso il continente che le isole si trasformano ed i suoni della natura incominciano a riemergere. La vacanza ideale sarebbe di  salire in sella ad una bici ed andare alla scoperta delle innumerevoli baie che ad ogni angolo offrono scorci mozzafiato. Le spiagge della costa sud sono le più isolate ma sicuramente più difficili da raggiungere. La spiaggia più ampia di Porquerolles è la Plage de la Courtade, facilmente raggiungibile ed è proprio per questo che è sempre superaffollata.

img010

scorcio sulle isole di Porquerolles

Che dire!! adoro il Var, adoro i colori ed i profumi della provenza, adoro i ristorantini e gli alberghetti di charme, quindi, è uno di quei posti dove sicuramente ritornerò.

IMG_2514

Le Pradet al tramonto

One thought on “Vacanze nel dipartimento del VAR

  1. Pingback: PROVENZA: come organizzare un viaggio? | Viaggiando con Bea

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...