Tagliatelle al tartufo bianco con sugo di rana pescatrice

In questi giorni su Sky sta andando in onda un film con Bradley Cooper che mi ha tenuta con lo sguardo incollato al video per circa due ore. Pensate sia un thriller?! Assolutamente no. E’ un film divertentissimo che parla di uno chef alla ricerca delle ambite Stelle Michelin. Bradley (ebbene si, lo adoro) mi ha dato la carica per rimettermi ai fornelli ed esagerare. Carla una volta mi disse che io regalavo sogni con i miei racconti di viaggio e Bradley, per due ore, ha fatto sognare Bea.

Ho osato un nuovo accostamento ma io, a differenza di Bradley, non mi sono fatta prendere dall’isteria e non ho buttato via nulla. Durante la preparazione mi è stato ripetutamente chiesto cosa mai c’entrasse l’accostamento del tartufo bianco con il pesce” !? …. ma io, imperterrita, ho continuato ad assaggiare, a sentire profumi….. insomma questo piatto di tagliatelle l’ho portato in tavola ed è stato un successo.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 confezione da 250 g tagliatelle al tartufo bianco
  • 1 trancio di rana pescatrice (250 g)
  • 2 zucchine
  • una decina di gamberi (anche surgelati)
  • 4/5 acciughe (io ho usato quelle con i capperi)
  • una ventina di pomodorini pachino o san marzano
  • 1/2 bicchiere vino bianco
  • 1 cucchiaino di marmellata al peperoncino oppure del peperoncino
  • 2 o 3 spicchi d’aglio
  • olio e sale affumicato q.b.

Procedimento:

  • lavare accuratamente le zucchine e ridurle alla julienne
  • farle saltare in padella con aglio, olio, sale e della marmellata al peperoncino
20170114_094231

zucchine alla julienne

  • ridurre a cubetti il trancio di rana pescatrice
  • lavare e tagliare i pomodorini
  • mettere la rana pescatrice, i gamberi ed i pomodorini in una padella antiaderente
  • aggiungere olio, acciughe, aglio e far rosolare a fiamma vivace
  • sfumare con il vino bianco
  • a cottura ultimata aggiungere le zucchine, precedentemente preparate, ed amalgamare il tutto
  • cuocere le tagliatelle in abbondante acqua per circa 3/4 minuti

20170114_131729

  • scolare e far saltare in padella con il condimento
  • impiattare e portare in tavola ….
20170114_132501

et voilà … les jeux sont faits

PS: del tartufo bianco si è sentito un gran profumo ma il sapore è stato nettamente superato dal gusto deciso della rana pescatrice. Forse Bradley  avrebbe scaraventato via il piatto, noi, invece, l’abbiamo mangiato, l’abbiamo gustato e lo avremmo anche ammesso in guida Michelin a pieni voti

🙂  Scherzoooo

 

 

29 thoughts on “Tagliatelle al tartufo bianco con sugo di rana pescatrice

  1. Il tartufo bianco con il pesce è un abbinamento insolito ma ai fornelli vale la regola della sperimentazione e bene hai fatto visto che alla fine non solo il piatto è riuscito ma potrebbe anche diventare “stellato”! 🙂
    Gli ingredienti di questa ricetta sono molto gustosi, ricchi di sapore e di profumo, come potrebbero passare inosservati?
    La fotografia con quelle tagliatelle e la forchetta pronta all’uso mi hanno fatto venir voglia anche a quest’ora quando ancora l’aroma del caffè inebria l’aria dell’ufficio (c’è un buon viavai alle macchinette distributrici), di arrotolare una bella porzione e chi s’è visto s’è visto! Forse Bradley inorridirà per questa mia confessione ma obiettivamente nel guardare le fotografie (sempre superbe!) che hai scattato sono convinta strizzerà l’occhio in senso d’intesa.
    p.s. ho imparato che esiste la marmellata al peperoncino. L’hai fatta tu o la compri già confezionata? Io spesso utilizzo l’olio extravergine d’oliva al peperoncino, ha un sapore bello piccantino! E comunque per fare questa ricetta è sufficiente aggiungere del peperoncino e va comunque bene, vero?
    Mhhhh … io il profumo di questo primo piatto lo sento nell’aria ma intorno a me ho solo scartoffie, che fame!!!!
    Ti premierei con cinque cappelli da chef! 😉
    Un abbraccione da Affy ♥

    Mi piace

    • Una bella forchettata di queste tagliatelle con un buon caffè è quello che ci vuole per iniziare la giornata. Non mi sono mai cimentata con le marmellate ma per questa al peperoncino ci pensa sempre la mia amica Carla. L’utilizzo dell’olio al peperoncino è perfetto per dare quella carica di energia al piatto. Che dici faccio la teenager e mando il link al post a Bradley? L’ho trovato su twitter ma penso che mi sentirei un po’ fuori age per queste bravate. Un bacione 🙂

      Liked by 1 persona

  2. Bea!!!!anch’io adoro Bradley e questo film mi manca:-):-) dovrò proprio andarmelo a vedere!!! E cmq le tue tagliatelle io le avrei mangiate e rimangiate con un sano bis!!!!!!e solo attraverso “gli accostamenti insoliti”che si creano i grandi piatti!
    Quindi LODE a chi OSA!!!! Un abbraccione:-)

    Mi piace

    • Almeno i miei follower credo che una stelletta me l’hanno fatta guadagnare . Oso molto in cucina ma poi si mangia anche se non viene bene. In casa di Bea non si butta via nulla. Guardalo il film è veramente divertente e poi fa un po’ sognare chi ama stare tra i fornelli. Ciaoo

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...