Salo’, aristocratica ed elegante

La scusa di una mangiata, la voglia di una gita fuori porta ed eccomi ancora sul Garda per mettere un nuovo tassello a questo grande puzzle.

Dopo un ottimo risotto ed un manzo all’olio gustati presso la Trattoria del Gallo” di Rovato, dopo un giro veloce tra le vie deserte del nucleo storico di questa località in provincia di Brescia, abbiamo puntato il navigatore su Salò.

Ho avuto modo di visitare Malcesine in una freddissima giornata invernale, ho immortalato il tramonto che si gode da Punta San Vigilio, mi sono piacevolmente persa tra i vicoli di Sirmione, e adesso cosa  potrò mai raccontarvi di Salò? Salò, nota anche per la sua storia, la si può visitare in poco più di un’ora. Dire che ne sono rimasta ammaliata sarebbe una bugia, tuttavia, la sua eleganza e la sua tranquillità non possono far altro che invitare il turista a ritagliarsi due ore di puro relax. Qui è bello sedersi in uno dei tanti bar affacciati sul lago e farsi quasi ipnotizzare da quei riflessi argentei che si riflettono sulle acque del suo bel golfo.

E’ bello percorrere a passo lento il lungolago Zanardelli che conduce fino a piazza della Vittoria dove, proprio di fronte all’imbarcadero,  non puoi non ammirare il Municipio ed il cinquecentesco Palazzo della Magnifica Pietra di Jacopo Sandolino, annoverato tra i palazzi simbolo di Salò. I palazzi oggi ospitano gli uffici comunali e sotto il portico che li collega non potremo non notare antichi stemmi e lapidi commemorative.

Leggo su internet che, per gli osservatori più attenti, l’aspetto più affascinante del lungolago sono quelle 20 targhe che raccontano la storia e l’origine del nome di ogni singola contrada.

Ancora una manciata di passi e siamo al cospetto del monumento più bello della città, la quattrocentesca chiesa di S. Maria Annunciata ovvero il Duomo di Salò.

La storia del Duomo di Salò risale al 1418 quando il comune ricevette dal Papa Martino V l’autorizzazione a ristrutturare l’antica pieve di Santa Maria Annunciata.

La sua grezza facciata  è valorizzata da un magnifico portale Rinascimentale in marmo, opera di Antonio della Porta, sormontato da uno splendido rosone ed è da qui che accediamo al suo interno.

Un vero tripudio di affreschi ci attende ma ciò che catturerà la nostra attenzione è il meraviglioso crocifisso ligneo opera di  Giovanni  Teutonico che venne collocato sopra l’arco trionfale nel 1493.  Mantegna lo definì  “uno dei più bei crocifissi d’Italia”

Concediamoci uno sguardo d’insieme, percorriamo quei 62 metri di lunghezza e passo dopo passo ammiriamo quelle tre navate a crociera, sviluppate su archi e sostenute da colonne e mezze colonne.

Ammiriamo una ad una ogni singola Cappella. La prima Cappella alla nostra destra è quella di S. Girolamo ed il gruppo ligneo presenta il Cristo morto circondato dalle statue dell’Addolorata, S.Giovanni Evangelista, Maria Maddalena, tutte di grande valore artistico. Alla fine della navata di destra troveremo la Cappella del Santissimo. Un tripudio di pitture. Da notare il tabernacolo a figura di tempietto.

Ma adesso dirigiamoci verso il presbiterio  dove, oltre al Crocifisso ligneo, non potremo non rimanere colpiti dalla bellezza delle cantorie, splendide opere rinascimentali intagliate e dorate. Costituite da cinque pannelli al cui interno sono raffigurati il Cristo, gli Evangelisti, S.Antonio da Padova ed i quattro Dottori della Chiesa d’Occidente.

Al nostro ritorno verso la macchina optiamo per la via principale del borgo sulla quale si affacciano eleganti case che mostrano il lato aristocratico di una Salò che fin dal XIV secolo venne designata come città rappresentante dei 36 piccoli comuni della riva occidentale del lago di Garda.

 

9 thoughts on “Salo’, aristocratica ed elegante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...