Bellissima gita a Saluzzo e …. dintorni

Dopo giorni e giorni di pioggia, finalmente una domenica mattina ti svegli e, davanti a te, si presenta una giornata tersa ed un’aria così limpida che ti concede un assaggio di primavera. Con un balzo sei già fuori dal letto, una telefonata ai tuoi compagni di avventure e freneticamente tra internet e guide cerchi la meta per la tua gita domenicale.

IMG_7467

Vicolo del nucleo antico

Eccola trovata, non è proprio dietro l’angolo, ma con la voglia di girovagare tutto è possibile. Che saranno mai 200 km da percorrere per andare alla scoperta di Saluzzo e del suo territorio!? Avremmo potuto visitare il celebre Castello della Manta o i castelli di Lagnasco, ma ahime!! avremmo dovuto fare un week end e non una semplice “toccata e fuga” come è stato il nostro giro e così oltre Saluzzo ci siamo solo spinti per 10 km verso nord fino all’Abbazia cistercense di Staffarda. Ma ritorniamo a Saluzzo e venite virtualmente in giro con noi. 

Il nucleo storico si apre a ventaglio sulle colline ed è sovrastato dal massiccio torrione cilindrico dell’antico Castello detto “Castiglia”. Vi si arriva percorrendo una ripida salita che da viuzza in viuzza ci porta alla scoperta della suggestiva chiesa di San Giovanni o della rinascimentale “Casa Cavassa”. Senza una meta ben precisa abbiamo passeggiato tra i vicoli silenziosi del nucleo antico su cui si affacciano magnifici palazzi di un colore rosso mattone e vecchie case in pietra che conducono a stretti passaggi.

IMG_7460

Chiesa di San Giovanni – Chiostro

Mi ha molto colpito la chiesa di San Giovanni per l’atmosfera mistica che vi si respira. La sua semplice facciata appare all’improvviso nascosta in una suggestiva piazzetta ai piedi della Torre Civica. Ciò che colpisce maggiormente è il suo interno al quale vi si accede scendendo una gradinata che porta alla navata centrale. Lungo le navate laterali possiamo notare varie cappelle ornate da magnifici affreschi del secolo XV. Bellissimo il trittico di Pascale Oddone dedicato alla Madonna che si trova nella Cappella del Rosario. Andando verso l’altare maggiore si noterà l’imponente tabernacolo detto di Gesù Salvatore risalente alla seconda metà del secolo XVI. Dietro l’altare maggiore non potete perdere la visita della Cappella funeraria dei Marchesi di Saluzzo. Dalla navata sinistra si accede al chiostro a base quadrata con capitelli ricchi di stemmi delle più importanti famiglie del territorio saluzzese. Tramite un portale si accede alla Sala del Capitolo ricca di affreschi del cinquecento.

IMG_7455

Chiesa di San Giovanni – interno

IMG_7462

A due passi dalla chiesa di San Giovanni s’incontra l’elegante Casa Cavassa, uno degli edifici simbolo del Rinascimento Saluzzese. Un bel “chiuso per ferie” non ci ha permesso di visitare le sale di questa casa che, da quanto letto, dovrebbero essere magnifiche così come il panorama su Saluzzo antica che si gode dai suoi balconi. La facciata del palazzo vanta un bellissimo portale in marmo bianco con portone ligneo.

E’ tardi! Abbiamo riservato un tavolo presso la Locanda Corona di Ferro, dove il signor Alberto ci ha veramente stupito con la sua ospitalità e con la sua cucina. Che dire!! Se avete l’opportunità di passare da Saluzzo non perdete questo incontro culinario che, come hanno detto i miei amici Carla e Guido in una loro recensione lasciata su Tripadvisor, “se l’ecellenza ha un domicilio…. allora sicuramente abita qui”. Abbiamo scelto il menù degustazione ed è stata una vera delizia per il palato, un vero crescendo di sapori e di piatti dal gusto superbo e, vi assicuro, non sto esagerando !! 

IMG_7473

Saluzzo – Corso Italia

IMG_7474

Saluzzo il Duomo

IMG_7478

Saluzzo – Vicolo del nucleo antico

Prima di lasciare Saluzzo per la vicinissima Abbazia cistercense di Staffarda ci concediamo un’ultima passeggiata lungo Corso Italia che ci regala un’immagine splendida di Saluzzo interamente circondata da una corona di montagne innevate. La breve passeggiata va dall’ampia gradinata di pietra su cui spicca la facciata del Duomo alla deliziosa Piazza Vineis dalla quale ci riavventuriamo per le viuzze del centro storico percorrendo un tratto di Via San Nicola.

IMG_7475

Saluzzo – Piazza Vineis

A soli nove chilometri da Saluzzo, percorrendo la statale 589 in direzione nord, si trova l’Abbazia di Staffarda fondata il 25 luglio del 1135 da Manfredo I del Vasto.

IMG_7530

Abbazia cistercense di Staffarda

Si tratta di un complesso architettonico in stile romanico e gotico formato dalla Chiesa Abbaziale, dal Chiostro e dalla Foresteria. La Chiesa Abbaziale è divisa in tre navate ed il suo interno vi apparirà molto spoglio e severo ma non per questo meno affascinante.

IMG_7519

Chiesa Abbaziale di staffarda – interno

Le uniche decorazioni presenti sono l’alternarsi delle fasce bianche e rosse dei pilastri che sono tutti diversi tra di loro per dimensioni, forma e decorazioni.

IMG_7524

Polittico cinquecentesco di Pascale Oddone

Si evidenzia lo splendido polittico cinquecentesco di Pascale Oddone. Sulla destra della chiesa si accede al chiostro, caratterizzato dal colore rosso cupo e da eleganti colonnine in marmo bianco. Nel chiostro vi si affacciano la sala capitolare, la sala calda, che veniva utilizzata per i lavori invernali ed i refettori.

IMG_7506

Abbazia di Staffarda – Sala Capitolare –

IMG_7500

Abbazia di Staffarda – Chiostro

Ormai giunti al tramonto possiamo tirare le somme di questa splendida giornata la cui unica nota dolente sono i 200 chilometri che ci separano da casa, fatti con molta allegria nella strada d’andata ma con un po’ di malavoglia in quella del rientro. 😦  Prima di chiudere dedico questo post a Kite Innepal che, con i suoi continui articoli sul Piemonte, mi ha fatto venire una gran voglia di scoprire anch’io un angolino di questa regione fantastica, fatta di luoghi e cose che hanno ancora un sapore di genuinità. 

IMG_7514

Chiostro con le sue eleganti colonnine in marmo bianco

PS:  Per chi volesse approfondire su Saluzzo ed il suo territorio ho trovato un sito veramente ben fatto; ecco a Voi il link

18 thoughts on “Bellissima gita a Saluzzo e …. dintorni

    • Grazie Max sempre molto gentile. Nel caso passassi da lì non perdere l’incontro culinario. Per quanto riguarda Saluzzo, che dire!! Per me è stato bello passeggiare con quel sole tiepido, curiosare tra i vicoli del nucleo storico, anche se a volte necessitano di una buona mano di restauro. E, dulcis in fundo, è stato un vero spettacolo vedere Corso Italia con la cornice di montagne innevate sullo sfondo ed il groviglio di stradine che si inerpicano partono verso la collina. Fammi sapere se ci vai. Ciaoo Bea

      Mi piace

  1. Bellissima Saluzzo 🙂 io ci vado spessissimo perchè è a soli 30 km dalla mia città e sovente vado a mangiare lì, ma alla Taverna dei Porti Scur (localino piccolo, molto ben curato e accogliente, dove si mangia divinamente).
    La prossima volta spingetevi un po’ più in là e venite a visitare la mia bella Pinerolo. Proprio oggi sul mio blog ho pubblicizzato un evento che si terrà dall’11 al 13 aprile.
    Ciao a presto Erika

    Mi piace

  2. E meno male che c’è stata una bella giornata quasi primaverile.
    Tu hai goduto dei suoi tepori ed io dei tuoi scatti (sempre magnifici) ed ancor più di tutta la descrizione di Saluzzo.
    Il Signor Alberto e la sua Locanda li ho già memorizzati, ad ogni buon fine!
    Grazie Bea per aver condiviso la tua gita (ehmmm 200 chilometri sono tanti!) io mi sono goduta proprio tutto.
    Complimenti, bravissima 😉
    un abbraccio grande

    Mi piace

    • Affy è sempre bello incontrarti virtualmente. Saluzzo è bella ma ti sembra ancora più magico quando hai dentro di te l’entusiasmo del viaggiatore e la voglia di illuderti di far vacanza anche con una semplice gita domenicale. Ciaoo Bea

      Mi piace

  3. Complimenti, articolo molto bello. Come vedi ho mantenuto la promessa e ho visitato il tuo blog (sono Paolo, l’autore del pezzo sulle tipicità alimentari delle Colline Saluzzesi pubblicato su Kiteinnepal.com). Amo anch’io la Saluzzo artistica e, nel caso tornassi, mi permetto di consigliarti, tra le tante cose da vedere in città e dintorni, una visita alla villa Belvedere, recentemente riaperta al pubblico, e al borgo di Revello (in particolare la splendida Collegiata e la Cappella Marchionale magnificamente affrescata). A presto, Paolo

    Mi piace

    • Grazie per essere passato. Io amo trasmettere attraverso foto e parole le sensazioni che un luogo mi ha dato e far leggere ciò che scrivo a chi conosce la zona mi aiuta a capire se ho fatto un bel post. Ho preso nota dei posti e chissà se un giorno non decida di farci un week end. Ciaoo

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...