Ortisei … a spasso per la Val Gardena

Nevica!! Ammaliato guardi i fiocchi di neve che cadono lentamente e ricoprono il manto stradale. Non ti curi del disagio che creeranno in città, il tuo unico pensiero va a quanto sia bello. Che strano!! Nei miei post ho sempre parlato di mare, di città d’arte, vi ho fatto viaggiare con me per mezz’ Europa e mai ho scritto delle numerose toccate e fuga fatte verso la Val Gardena. La bellezza del paesaggio di questi luoghi raggiunge la perfezione. Immense distese di neve che vanno dalle imponenti formazioni rocciose del Sassolungo o dello Sciliar alla magnificenza del Gruppo Sella.

IMG_4178

Magnifico scorcio sul Sassolungo

A spasso per le Dolomiti non ci sono stata una sola volta ma, bensì, due, tre, quattro ….. etc, etc.

IMG_4145

a spasso per le Dolomiti

Per noi ed i nostri amici, Carla e Guido, era quasi un rituale, non c’era anno in cui non ci ritagliavamo quella settimanina tra i monti e non perché fanatici dello sci ma, bensì, perché ogni singola vacanza diventava un puro divertimento. Le risate a crepapelle fatte per le gran cadute sugli sci sono un ricordo indelebile ed ancora oggi, a distanza di qualche anno, quando ci ritroviamo ne parliamo e ne ridiamo con i lacrimoni agli occhi.

Per questo post non ho un itinerario da metter giù, ho semplicemente tanti flashback di cose viste e che non potrò mai dimenticare.

Ortisei By Night

Ortisei By Night

DSCN0373

Castelrotto con le sue bellissime case

IMG_4046

Castelrotto la piazzetta

A parte Ortisei che è un vero splendore, non posso non ricordare le gite a Castelrotto. La passeggiata che da Piazza del campanile passo dopo passo ci porta a scoprire deliziosi vicoli, dove il colore predominante è il rosa, è veramente suggestiva ed invita il turista a soffermarsi per immortalare splendidi scorci. Castelrotto la ricordo per le sue belle case signorili, per le magnifiche facciate istoriate come quella di casa Edenberg costruita su una torre medievale e le cui decorazioni riproducono una scena di San Giorgio con il drago. I dipinti sono di Eduard Burguner . Altre belle case contadine sono casa Fisher o casa Steiner risalenti alla fine del Cinquecento.  Di Casterotto ricordo anche le magnifiche serate trascorse al Ristorante St. Michael con quel gulash dall’intenso profumo speziato e quelle fumanti patate arrosto. Mmhhh!! che bontà!!!

IMG_4011

Passeggiate sull’Alpe di Siusi

E come dimenticare le passeggiate che si facevano lungo i sentieri innevati del magnifico altopiano dell’Alpe di Siusi? Panorami mozzafiato tra boschi, laghi ghiacciati e baite, dove , infreddoliti, non ci potevamo non fermare per gustare una calda zuppa servita nell’incavo di una croccante pagnotta. Era veramente una goduria!!

IMG_4020

Scorcio Black and White

Nelle varie toccate e fuga verso Ortisei e le sue valli non poteva mancare anche una full immersion nel medioevo e precisamente non poteva mancare una visita al Castello di Presule. Il castello risale al XVI secolo e ciò lo si può dedurre dall’iscrizione sopra il portale esterno su cui è incisa la data del 1517.

DSCN0392

Castello di Presule

Il castello, dall’aspetto freddo ed austero, domina il borgo di Presule e richiama molti turisti anche nella stagione invernale grazie all’iniziativa di proporre delle visite guidate attraverso la sala dei pilastri, una delle più belle sale di tutto l’edificio, la sala delle armi, la cappella dedicata a Sant’Anna con dipinti risalenti al XIX e XX secolo ed il giro si conclude nel Salone dei Cavalieri fra canti, balli e specialità altoatesine tutte da gustare.

DSCN0402

Cappella di Sant’Anna

DSCN0395

Scorcio Castello di Presule

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E … poi cos’altro si può fare? A parte le solite puntate verso Vipiteno, Merano o Val Badia o Val Pusteria un giorno siamo andati alla scoperta dell’Abbazia di Novacella, una tra le più importanti Abbazie del Tirolo. Con una visita guidata di un’oretta abbiamo avuto la possibilità di scoprire questo bellissimo e ben conservato complesso monastico risalente al 1140.

Abbiamo visitato la biblioteca con i suoi preziosi manoscritti, la Chiesa della Madonna con i suoi ricchi stucchi dorati tipici dello stile Barocco e che dire del gotico Chiostro con volte a crociera del XIV secolo e mura affrescate con scene tratte dai testi sacri. Bellissima la torre campanaria con la sua preziosa meridiana ed il suo orologio. Uno degli edifici più belli del complesso è la Cappella di San Michele, eretta in epoca romanica e rimaneggiata nel XV secolo. Per concludere non si può non sostare nel bell’edificio che ospita la cantina dell’Abbazia dove vengono prodotti dei vini veramente pregiati, vero fiore all’occhiello di Novacella.

 

IMG_4066

Abbazia di Novacella

IMG_4084

Abbazia di Novacella

IMG_4073

particolare della Chiesa della Madonna con i suoi ricchi stucchi dorati

Vorrei dire molto altro ma il turista che viene in Val Gardena cerca il contatto con la natura, cerca di scoprire parte dei 175 km di piste da sci che si snodano tra la Valle e le Alpi di Siusi e, soprattutto, cerca locali caratteristici dove si possono gustare piatti della tradizione altoatesina. A proposito di locali caratteristici non dovete assolutamente perdere “URIDL” di Santa Cristina, sarà una serata indimenticabile.

DSCN0327

in cerca di scorci mozzafiato

DSCN0318

tra le piste innevate

26 thoughts on “Ortisei … a spasso per la Val Gardena

  1. Che nostalgia!!!! Leggendo quello che scrivi ci sembra di avere ancora in bocca il sapore del gulasch e delle patate di St.Michael.
    Peccato che tu non abbia foto di quella volta che tu e Carla osservavate quella grande palla di neve da cui spuntavano 2 sci e commentavate “chissà chi è quell’imbecille che è caduto dallo skilift…”.
    Urge programmare una vacanza in val Gardena al più presto!!!
    Guido & Carla

    Mi piace

  2. Come promesso, eccomi qua. Complimenti per il tuo articolo: sia il testo che le foto sono all’altezza di questa fantastica destinazione! Conosco poco le affascinanti architetture e opere d’arte di Ortisei: come dici giustamente tu, qui chi viene da queste parti lo fa soprattutto per il contatto con la natura. Però conosco l’Abbazia di Novacella, il buon infatti vino è riuscito a strapparmi dai monti, giusto il tempo per una degustazione e l’acquisto di qualche ottima bottiglia 🙂
    Ciao
    Andrea

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...